Silpnapoli.it

Sito ufficiale del Sindacato Italiano Lavoratori Polizia CGIL - Segreteria Provinciale di Napoli

:: Benvenuti nel sito web della Segreteria Provinciale di Napoli del Sindacato Italiano Lavoratori Polizia (SILP CGIL). Lo scopo di questo sito è quello di rendere un’informazione sempre più completa e immediata di tutte le attività del Silp per la Cgil di Napoli, dando la possibilità a tutti gli iscritti di essere sempre aggiornati sulle iniziative del sindacato e su ciò che succede sul proprio territorio in ogni ambito sociale.

DONAZIONE SANGUE 31 LUGLIO DALLE ORE 08.00 ALLE ORE 11.00 IN PIAZZA TRIESTE E TRENTO - I COLLEGHI INTERESSATI ALLA DONAZIONE SONO PREGATI DI PRENOTARSI IN TEMPO UTILE C/O I COLLEGHI DE POMPEIS O SEMERARO ALL’ UTENZA 081/7941049 OPPURE GHEZZI O PALUMBO 081/7941095/96..

FLASH MOB - PIANURA - POLIZIOTTI COSTRETTI AD OPERARE IN UN TUGURIO”

Posted by Silp Napoli on Mercoledì 8 aprile 2015

Il Ministro Amato fa finta di non capire le ragioni del sindacato

giuliano amatoDichiarazione di Tommaso Delli Paoli - Segretario Generale

Ci dispiace che il Ministro dell’Interno, On.Giuliano Amato, insista nel non accogliere le ragioni espresse dal sindacato circa la prevista riorganizzazione degli uffici di Polizia sul territorio napoletano. Nel dire no agli accorpamenti dei Commissariati cittadini, il SILP (come del resto tutti i sindacati di Polizia), non intende difendere interessi corporativi, ma evitare l’ennesimo fallimento nella lotta alla criminalità.

Infatti, i distretti di Polizia esistenti in passato, sono stati smantellati e sostituiti dai “poli” anch’essi miseramente falliti. Oggi, inspiegabilmente, si ripropone la stessa ricetta. La cosa appare ancora più grave, poiché a fronte di qualche ufficio Polstato soppresso, se ne ipotizza la sostituzione con caserme dei Carabinieri, mentre i nuovi distretti individuati nascerebbero logisticamente inadatti ad accorpare più uffici, con l’aggravante che, allargando l’area di giurisdizione, aumenta lo scollamento dei rapporti con i cittadini, causando nel tempo la perdita della memoria storica di quegli operatori a conoscenza dei fenomeni criminali del loro quartiere.

Il SILP chiede di rafforzare i presidi esistenti, istituendo al loro interno squadre di Polizia Giudiziaria, fornendo mezzi e materiali efficienti, verificando il reale livello di coordinamento tra le forze di Polizia, con particolare attenzione al controllo delle periferie e della provincia, abbandonate a loro stesse. Questa, insieme a quelle condivisibili proposte riorganizzative, appare l’unica strategia di contrasto del crimine percorribile.

Se, purtroppo, spinti da una criminalità sempre esistita, ma oggi ancor più sanguinaria, l’emergenza sicurezza diviene anche paura politica, allora si rischia di agire con parole d’ordine sbagliate, quali quel “tutti alla guerra”, intendendo per tutti anche quegli operatori necessari a garantire ai poliziotti su strada le naturali attività, dimenticando, per pura speculazione politica, che tra i poliziotti esistono moltissimi ultra cinquantenni, i quali meritano, dopo oltre trent’anni di onorata carriera, di essere adeguatamente tutelati.

No comments yet. Be the first.

Leave a reply