Silpnapoli.it

Sito ufficiale del Sindacato Italiano Lavoratori Polizia CGIL - Segreteria Provinciale di Napoli

Archive for the 'Organizzazione e Sicurezza' Category

BASTA CON LE PROMESSE ! È ORA CHE LO STATO RIPRISTINI A NAPOLI LA LEGALITÀ E LA SICUREZZA

Il Silp ancora una volta è costretto a ribadire che non possono essere le piazze i luoghi per redimere le questioni sociali.

Poliziotti aggrediti da frange di cittadini furenti per la questioni legate alla rimozione  e smaltimento dei rifiuti sono ormai tragedie quotidiane.

  Non può  essere più tollerato lo stadio d’assedio e di guerriglia urbana che sta investendo  gran parte della città di Napoli  e della sua provincia, ed in particolare nel quartiere di Pianura, dove siamo davanti a un vero e proprio bollettino di guerra.

 Come poliziotti non siamo più disposti a subire le mancanze della politica e per questo chiediamo alla politica nazionale e locale un forte e visibile impegno che consenta in tempi rapidi  un ritorno alla normalità, assicurando ai cittadini gli indispensabili diritti di una moderna ed evoluta società.

  Chiediamo al Governo di stanziare per  Napoli nuove risorse finanziarie per la sicurezza, per far fronte all’ennesima emergenza, potenziando uomini, mezzi e strumenti per garantire un vero controllo del territorio, volano di sviluppo e vivibilità delle nostre città.

   In assenza di tutto ciò, temiamo che la malavita organizzata possa inserirsi (di nuovo) nel settore dei rifiuti, alimentando interessi economici criminali e sobillando la piazza.

 Infine, apprezziamo la nomina dell’ex capo della Polizia a Commissariato straordinario, ma riteniamo che questo provvedimento da solo non è sufficiente..

Tommaso DELLI PAOLI
Segretario Generale SILP per la CGIL

No comments

Articolo sul quotidiano Cronache di Napoli

Il Silp ancora una volta è costretto a ribadire che non possono essere le piazze i luoghi per redimere le questioni sociali.

Leggi l’articolo apparso su Cronache di Napoli il 10 gennaio.

No comments

Articolo su “Cronache di Napoli” sul Sit-in del Silp davanti alla Caserma Raniero

cronachedinapoli-25ott07.jpgVisualizza l’articolo con l’intervento del Segretario Generale Tommaso Delli Paoli

No comments

Dichiarazioni di Tommaso Delli Paoli

Il Silp per la CGIL ha manifestato oggi non per rivendicare aumenti stipendiali, ma per una diversa organizzazione lavorativa del più grande ufficio della Questura di Napoli per il controllo del territorio, al fine di produrre una maggiore sicurezza ai cittadini.

 

Scarica il documento completo

No comments

BASTA CON LE GRIDA MANZONIANE

Dichiarazioni di Tommaso DELLI PAOLI Segretario Generale SILP per GGIL

Prendiamo atto della statistica annunciata dal Ministro Amato sul calo degli scippi, rapine e furti a Napoli. Ci permettiamo ricordare al Ministro che se questo risultato c’è stato e solo grazie al sacrificio quotidiano  delle forze di polizia, in quanto dello sbandierato piano della sicurezza per Napoli se ne è solo sentito parlare.

Alla luce di ciò sarebbe opportuno che sia i vertici del Governo che dell’Amministrazione facessero una saggia riflessione e riconsiderassero l’intero patto per la sicurezza, partendo dallo scellerato progetto d’accorpamento di importanti e strategici  Commissariati sezionali, veri baluardi contro la criminalità di quartiere, dotandoli di uomini e mezzi, ripristinando le vecchie squadre investigative capaci d’individuare, tra le altre cose, in tempo reale, le scomposizioni e le ricomposizioni della mappa criminale nel quartiere.

Napoli peraltro non ha bisogno di sterili strumentalizzazioni come sembra prediligere la politica di opposizione, ma di misure capaci di creare migliori condizioni di sviluppo, questo è possibile se la sicurezza diventa elemento primario, per questo più che la teoria vogliamo vedere la pratica, che per noi significa, uomini, mezzi strumenti e un’attività legislativa capace di assicurare la certezza della pena.

Sulla sicurezza non si può risparmiare oltre i limiti consentiti, non si inventano slogan  del tipo “tutti Poliziotti devono stare sulle strade” quasi a significare che il connesso lavoro d’ufficio è tempo perso, su questo siamo disposti ad ogni utile confronto e dove dovesse servire anche di scontro.

Il SILP per la CGIL sta programmando una vertenza sulla sicurezza, che vedrà il suo culmine alla ripresa autunnale, coinvolgendo cittadini, politici ed Istituzioni.

No comments

Carriera o Sicurezza?

Emergenze nei servizi di O.P.: è la solita storia del Reparto Mobile di Napoli. Solo che adesso si sta oltrepassando ogni limite! L’organico diminuisce sistematicamente mentre la forza impiegata è in continuo aumento: come è possibile?

E’ possibile se chi dirige l’ufficio spreme oltre ogni misura i colleghi, senza badare agli orari di lavoro, alle notti, al riposo tra un turno e l’altro, all’impiego continuo nei giorni di festa, dissuadendo dal chiedere ferie, sottraendo i riposi settimanali e negando quelli richiesti dai colleghi.

A fare le spese di questo andazzo non solo sono i poliziotti, il loro sonno e la loro salute, ma soprattutto le famiglie, continuamente costrette a subire l’assenza da casa, a tutte le ore, dei colleghi che, per poter dedicare un po’ di tempo ai propri figli ed alle proprie mogli devono ogni volta mortificarsi ad elemosinare un recupero riposo o un giorno di ferie.

E proprio in un momento in cui si discute così tanto del valore della famiglia…

Quale è lo scopo di tale comportamento? La sicurezza? Assolutamente no! Questo sistema è proprio l’esatto contrario! E’ l’ambizione di far carriera di chi ci dirige? Probabilmente è questo che spinge a sfruttare con impieghi scriteriati ed in massa i poliziotti del Reparto, usando anche la censura e i controlli mirati. Questo andamento, oltre ad accertare ogni forma di pressione con ricadute inevitabili sui colleghi, crea uno scoramento e fa venire meno la fiducia tra i dipendenti e l’Amministrazione.

Al Ministero il dovere di verificare …

La Segreteria Regionale
La Segreteria Provinciale

No comments

Al Signor Questore di Napoli: Commissariato di Torre del Greco

Signor Questore, è solo per l’alto senso di responsabilità se questa O.S. non ha ancora dato vita ad una pubblica manifestazione per evidenziare il grande disagio in cui sono costretti a vivere e subire gli operatori di Polizia in servizio al Commissariato di Torre del Greco.
Ormai la misura è colma, non sono bastate le ispezioni da Lei disposte per far cessare anomali comportamenti, che sembrano diventati consuetudini e che creano all’interno dell’Ufficio disparità di trattamento tra il personale, che di conseguenza genera malumori, disaffezione e mancanza di serenità.
Desideriamo portare alla sua attenzione alcuni episodi che a nostro parere fanno scaturire tale situazione.
Non si riesce a creare una vera e propria sinergia tra il personale che opera all’esterno con quello interno e sembra che sia diventato molto difficile organizzare il personale nel rispetto dell’organigramma da Lei disposto anche a riguardo dell’orario di lavoro così come previsto dall’A.N.Q.
Basta pensare che per alcuni coordinatori, indipendentemente da quante presenze giornaliere effettuano durante il mese, le loro ore di straordinario emergente sono sempre le stesse , come se fossero programmate e prestabilite.
E per non parlare poi delle indennità esterne, relativamente alle quali, come e quando vengono effettuate se si effettua prevalentemente una attività di ufficio (ci pare di capire che tale indennità viene elargita più per favoritismo che per una vera effettuazione).
Inoltre, vorremmo capire quale modello operativo è quello di inviare cinque ispettori in abito civile allo stadio per servizio di O.P. escludendo quella parte di personale preposto dal regolamento per l’espletamento di tale servizio.
Avevamo chiesto che venisse individuato un vero coordinatore per l’ufficio volanti, non una figura simbolica come è l’attuale, un coordinatore che potesse realmente soddisfare le esigenze degli addetti alle volanti.
Riteniamo che il Dirigente, pur consapevole di quanto avviene all’interno del Commissariato, fa finta di non vedere, anzi pare che questo sia il suo schema preferito.
Il SILP ritiene che, se quanto sopra evidenziato non sarà oggetto di un autorevole e risolutivo intervento, non può far altro che ricorrere alla pubblica protesta per ridare serenità e tranquillità lavorativa , ad un personale che opera in un territorio ad alto rischio di micro e macro criminalità.
In attesa di urgenti riscontri porgo distinti saluti.

Il Segretario Generale
Tommaso Delli Paoli

No comments

Il Ministero dell’ Interno sulla sicurezza fornisce per ogni territorio una risposta diversa

Dichiarazione di Tommaso DELLI PAOLI Segretario Generale

Siamo felici di apprendere  che a Milano verranno aperti due nuovi Commissariati, mentre si annuncia per adesso l’invio di oltre 110 uomini della Polizia.

Peccato che in un’altra parte del territorio, precisamente a  Napoli, dove i cittadini a causa della tracotante criminalità molte volte non possono uscire dalle loro case o vivere la città, i problemi non sembrano minori di quelli del capoluogo Lombardo, la ricetta  però è opposta, cioè si sta studiando come chiudere ben otto Commissariati Cittadini.

Non vogliamo assolutamente far emergere una contrapposizione nord-sud di cui non se ne sente alcun bisogno, vogliamo solo ribadire, che la sicurezza è prioritaria ad ogni latitudine, su di essa bisogna investire in risorse economiche ed umane. A Milano come a Napoli, se ci vogliono delle fiaccolate, come chiede ai suoi cittadini il Sindaco Letizia MORATTI per far muovere il Ministro Dell’interno e del Tesoro, invitiamo anche il Sindaco di Napoli IERVOLINO e il Governatore della Campania  BASSOLINO  a promuovere dei falò, perché se dalla quantità di fuoco acceso si  deve dedurre quanto i cittadini  hanno bisogno di più sicurezza, noi non possiamo temere paragoni, i falò sono un debolissimo segnale delle nostre necessità.

Il Governo deve farsi carico di promuovere un reale programma d’investimento di risorse sia sul sociale che sulla sicurezza, su quest’ultimo tema oltre alle chiacchiere, alle analisi, al fallimentare accorpamento dei Commissariati, si devono prevedere più mezzi,strumenti, e personale  per le Forze di Polizia, nonché più Magistrati e personale di supporto per le  Procure, perché se non assicuriamo lo svolgimento rapido dei  processi e la certezza della pena, continueremo a prenderci in giro a Napoli come forse a Milano.

No comments

“PIANO SICUREZZA” IL SILP INCONTRA IL PREFETTO

Dichiarazione di Tommaso Delli Paoli Segretario Generale

A seguito della richiesta del SILP, si è tenuta in data 16 febbraio scorso la prevista riunione con il Prefetto Dr.Panza sul sistema sicurezza a Napoli e provincia, all’incontro era presente anche il Questore Dr.Fioriolli.

Il Silp ha ribadito contrarietà ad una chiusura indiscriminata dei Commissariati cittadini per privilegiare una politica di accorpamento.

Le posizioni assunte e le preoccupazioni manifestate hanno origine nelle fallite esperienze passate quali i Distretti e i Poli.

Il Prefetto nel ritenere fondate le tesi espresse dal sindacato, ha ritenuto di avviare una esperienza pilota per verificae il funzionamento di una struttura accorpata.

Il silp si è riservato ogni ulteriore approfondimento, in ragione degli uomini, dei mezzi, degli strumenti e del materiale di nuova tecnologia che verranno materialmente messi a disposizione del personale operante.

A margine dell’incontro, alla  nostra richiesta di tenere lo Stadio S.Paolo chiuso fino a quando non sarà messo a norma di sicurezza come previsto dal decreto Pisanu, il Prefettto si è detto totalmente daccordo.

No comments

FACCIAMO SI CHE IL SACRIFICIO DEL COLLEGA RACITI NON RESTI INUTILE

DICHIARAZIONE DI TOMMASO DELLI PAOLI SEGRETARIO GENERALE SILP CGIL

Oggi si sono svolti i funerali del nostro collega Filippo,e non vorremmo che dopo qualche giorno di sterili ed inutili dibattiti calasse il sipario sull’intera vicenda, e come tutte le cose all’italiana, si aspetti la prossima tragedia.

Ancora una volta la Polizia di Stato paga il prezzo più alto per assicurare il regolare svolgimento di una manifestazione. Dovevamo attendere la tragica morte del collega Filippo perché si comprendesse quali fossero le reali condizioni di violenza che settimanalmente le Forze dell’Ordine vivono negli stadi italiani.

Adesso diciamo basta, e chiediamo al Ministro dell’Interno ed al Capo della Polizia di andare oltre il “decreto Pisanu”, che oramai sembra improduttivo. A nostro avviso vi è bisogno: di controlli identificativi più severi per l’accesso negli stadi; pene adeguate e soprattutto certe per chi si rende responsabile di atti vandalici e di “guerriglia urbana”; che non si giochi in quegli impianti che non rispettino le normative vigenti in materia di sicurezza; che le società evitino di avere rapporti ambigui e pericolosi con frange estremiste e violente del tifo; che le società di calcio provvedano direttamente alle spese per la sicurezza e per tutte quelle derivanti da danni a cose e persone.

Grave preoccupazione desta lo stadio San Paolo sia sotto il profilo della sicurezza strutturale che per il clima di violenza che serpeggia tra la tifoseria partenopea, soprattutto dopo gli ultimi episodi fatti registrare durante questo campionato. Per questo chiediamo al Prefetto e al Questore di Napoli di non autorizzare l’uso dell’impianto di Fuorigrotta, sino a quando non verranno ripristinate le normali condizioni di agibilità.

No comments

Pagina Successiva »